Pubblicato il 19/10/2020

Sportello di ascolto per Infermieri iscritti all’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Piacenza

Il costante coinvolgimento emotivo, umano che la Professione Infermieristica richiede nel quotidiano lavoro di cura, può condurre gli Operatori Sanitari a vivere situazioni di stress che possono comportare nel tempo, se non tempestivamente e adeguatamente gestite, un esaurimento psico-emotivo sino allo sviluppo della Sindrome del Burnout, con conseguenti ripercussioni negative sulla qualità assistenziale, sull’organizzazione del lavoro e sulla vita personale.

La pandemia COVID–19 ha portato ad un importante sovra carico emotivo degli infermieri e ha impattato psicologicamente per diversi motivi:

  • Incertezza della durata della pandemia;
  • Turni di lavoro in condizioni particolari (obbligo di indossare DPI);
  • Modifiche dell’organizzazione del lavoro;
  • Mancanza di un vaccino;
  • Paura di contagiarsi e di contagiare i famigliari.

L’Ordine delle Professioni Infermieristiche aveva già programmato e deciso di attivare lo “sportello di Ascolto” per i propri iscritti con apertura dello stesso il 2 Aprile 2020, ma a causa del sopraggiungere della pandemia, con l’attivazione del lockdown e dell’impegno degli Infermieri nei propri setting di cura, si è deciso di rimandare l’iniziativa. Ora più che mai l’Opi di Piacenza ha valutato la necessità di far partire il progetto “ Ascoltare chi si prende cura…sempre” e quindi ha concluso la convenzione con l’Associazione Link Lab che mette a disposizione un gruppo di esperti nel settore e promuove una cultura di sostegno ai bisogni dell’iscritto, mediante un atteggiamento di dialogo e ascolto nei confronti di chi ne avverte il bisogno. L’offerta si rivolge a tutti gli infermieri che sentono la necessità e la volontà di rivolgersi a professionisti in possesso di  competenze specifiche per capire quali siano le strategie più efficaci per affrontare situazioni emotivamente difficili in ambito lavorativo.

Per favorire la massima riservatezza e la privacy dei professionisti, gli incontri si terranno presso la sede della Associazione dove l’iscritto si recherà, previo appuntamento, presentando la tessera dell’Ordine che ne conferma l’appartenenza.